Menu
ITA ENG
il museo della musica
Venezia
chiesa san maurizio
Alla famiglia Candian (detta Sanudo) viene dato il merito della costruzione della Chiesa di San Maurizio e Lazzaro.

In origine la facciata era rivolta al rio del Santissimo e aveva un sagrato ai piedi del ponte che ancora oggi conduce al campo di Santo Stefano. Il campanile sorgeva in angolo tra il campo e la calle.

La chiesa volgeva il fianco destro sul vasto campo dal perimetro perfettamente regolare.

Dal IX secolo fino alla fine del Cinquecento le cronache non danno più alcuna notizia della Chiesa di San Maurizio con riferimento alla struttura architettonica, ma è certo che subì una riedificazione, in seguito ad un incendio che ne aveva distrutto le strutture edilizie, che si concluse nel 1105.

Alla fine del Quattrocento la chiesa presentava ancora struttura basilicale a tre navate di chiara impronta bizantina, risultato di un intervento operato nella prima metà del XII secolo.

In epoca gotica furono realizzati sicuramente altri lavori di restauro e di ristrutturazione. Dopo tanti secoli di silenzio le carte riportano la notizia che nel 1580 la Chiesa di San Maurizio fu completamente ricostruita e consacrata.

Si può supporre che in questa occasione, secondo le nuove teorie architettoniche legate alla funzione degli spazi, la nuova fabbrica abbia subito un’intera rotazione in modo da far  corrispondere la fronte principale al campo.

Ricordiamo che in precedenza, cioè verso la metà del secolo, era stato demolito l’antico campanile per consentire la costruzione del grandioso Palazzo Bellavite, la cui facciata su campo sembra essere stata affrescata da Paolo Veronese.

Dionisio Bellavite, ricco mercante, aveva infatti ottenuto la concessione dell’area e il permesso di togliere il campanile in cambio del pagamento di una tassa annuale a beneficio della Chiesa di San Maurizio, tassa che il Bellavite continuava ancora a pagare nel 1564.

Della chiesa, eretta nel 1590, non abbiamo altra notizia, né elementi superstiti poiché nel 1806 essa venne demolita e riedificata secondo il progetto di Antonio Diedo e Giovan Antonio Selva.

L’attuale fabbrica, consacrata nel 1828, ha pianta a croce greca con cupola centrale e cupolette emisferiche cieche ai lati. Il disegno generale sembra ispirarsi alla sansoviniana Chiesa di San Geminiano.

In aderenza al fianco sinistro della chiesa sorse l’edificio della scuola degli Albanesi. Della scuola si ha notizia fin dal 1489 e ancora nel 1501 e nel 1502, anni durante i quali si stavano portando a termine la decorazione interna dei soffitti e gli arredi. Nel 1531 un nuovo intervento completava la facciata su calle del Piovan, che ancora oggi si può vedere, ornata da eleganti e ben lavorati bassorilievi di chiara fattura classico-rinascimentale.

ORARI

Apertura: Il Museo è aperto tutti i giorni dalle 9,30 alle 19.
Ingresso: libero
Servizi: Museum Shop, Visite guidate (su prenotazione).
INDIRIZZO

Museo della Musica
Chiesa San Maurizio, S. Marco 2603
30124 Venezia



Tel: +39 041 2411840
Fax: +39 041 2770593
e-mail: info@museodellamusica.com
Google Maps
INFORMAZIONI MUSICALI
(Aldo Bova "Venezia i luoghi della musica")   

Nel 1447 vi si trasferì la Scuola degli Albanesi: alla terza domenica di ogni mese veniva detta una messa con musica in onore a Nostra Signora di Scutari.
Dal 1555 al 1573 Andrea Gabrieli venne ad abitare in una piccola casa nella parrocchia.
Il 10 aprile 1632 fu conferito il suddiaconato a Claudio Monteverdi.
Nel 1819 vi fu sepolto Gian Antonio Selva, l'architetto del teatro La Fenice.
gli strumenti
Le opere
--- Anonimo --- Anonimo --- Anonimo Scuola Bolognese Anonimo Scuola Veneta Anonimo --- Anonimo Scuola Romana Anonimo
La collezione Antonio Vivaldi
Chiesa San giacomo di rialto Secondo tradizione la chiesa di San Giacomo, popolarmente conosciuta come San Giacometo, sarebbe stata costruita nel 421 dal carpentiere... vai gli strumenti Venezia è sempre stata, sin dal medioevo, il luogo ideale per la musica.
Un viaggiatore francese nel Settecento scriveva “in ogni casa si suonava uno strumento... vai
I Concerti Interpreti Veneziani Chiesa San Vidal
Acquista il tuo biglietto
scarica la mappa
  • Le fotografie degli strumenti del Museo della Musica sono di Claudio Mazzolari
  • La fotografia dell'interno della Chiesa di San Maurizio è di Fabio Vivalda