Menu
ITA ENG
i
il museo della musica
Venezia

Collezione Artemio versari

chiesa san vidal
Fondata probabilmente intorno al 1084, sotto il dogado di Vitale Falier, e dedicata infatti al suo santo patrono, la chiesa venne ricostruita una prima volta nel XII secolo quando venne rifatto l'attuale campanile in mattoni con cuspide piramidale, e successivamente, nel XV secolo, in forme gotiche.
Più importanti furono gli interventi di fine XVII secolo: gli eredi di Francesco Morosini, detto il Peloponnesiaco, decisero di farne il monumento funebre al valoroso Doge condottiero che aveva conquistato la Morea ma, a causa di contrasti sorti all’interno della famiglia, il progetto del mausoleo non fu tradotto in realtà.

L’architetto Antonio Gaspari, allievo di Baldassarre Longhena, che aveva preparato per i Morosini il progetto di rifacimento dell’edificio, iniziò comunque la ricostruzione della chiesa adattandola alla sola funzione cultuale. Tra il 1696 e il 1700 si compì la ricostruzione interna.

Al nuovo edificio caratterizzato, ora, da un’unica navata e altari laterali mancava, però, la facciata che fu eseguita più tardi, grazie ai finanziamenti della famiglia Contarini, dall’architetto Andrea Tirali che si rifece a modelli palladiani presenti in città: la facciata presenta, infatti, un solo ordine di colonne corinzie poggianti su alti basamenti che sostengono un timpano triangolare coronato da statue.

Una volta all’interno dell’edificio si viene subito colpiti dalla pala dell’altare principale dipinta da Vittore Carpaccio: il quadro rappresenta San Vitale a cavallo e quattro santi che adorano la Vergine col Putto (1514). Altri dipinti presenti in chiesa sono opera di artisti settecenteschi operanti in diversi ambienti della laguna come Piazzetta, Pellegrini e Giulia Lama, pittrice dalle poche opere conosciute.  In controfacciata è presente l’organo Bazzani costruito nel 1833.

Pregevole è anche la sacrestia dove, in un ambiente raccolto, trovano collocazione una serie di dipinti di autori settecenteschi.

La tradizione racconta che nella chiesa di San Vidal fu posta la sepoltura del famoso musicista veneziano Baldassare Galuppi (morto il 17 gennaio 1785), della quale, però, non vi è nessuna lapide commemorativa.
ORARI

Apertura: Dal lunedì al sabato, dalle 9.30 alle 18;
domenica dalle 10 alle 18.
Ingresso: libero
INDIRIZZO
Chiesa San Vidal
San Marco 2862 - 30124 Venezia
tel. 041.2770561
e-mail: info@interpretiveneziani.com


Google Maps
INFORMAZIONI MUSICALI
(Aldo Bova "Venezia i luoghi della musica")

In occasione della festa del santo, Bonaventura Furlanetto compose e diresse vespri a tre voci nei quali suonò e fece dei strepitosi a solo il famoso contrabbassista Domenico Dragonetti (nel 1799 aveva suonato in duo con Ludwig van Beethoven).

Organo Bazzani (1833) a una tastiera e 17 registri.

Nella parrocchia abitarono Dario Castello (intorno al 1630) capo compagnia dei Musichi d'Instrumenti da fiato in Venetia e Baldassare Galuppi che morì il 17 gennaio 1785 e fu sepolto nella chiesa (non si è trovata la lapide).

gli strumenti
il museo della musica
chiesa san maurizio Alla famiglia Candian (detta Sanudo) viene dato il merito della costruzione della Chiesa di San Maurizio e Lazzaro. In origine la facciata era rivolta al rio del... vai Antonio Vivaldi
e il suo tempo
Gli strumenti presenti in questa mostra formano il cuore di una raccolta di capolavori che appartengono ai tre secoli passati. L’epoca classica della liuteria italiana... vai
I Concerti Interpreti Veneziani Chiesa San Vidal
Acquista il tuo biglietto
scarica la mappa
  • Le fotografie degli strumenti del Museo della Musica sono di Claudio Mazzolari
  • La fotografia dell'interno della Chiesa di San Maurizio è di Fabio Vivalda