Menu
ITA ENG
il museo della musica
Venezia
La partitura di Semiramide con l'impronta di Rossini
La partitura autografa di "Semiriade" di Gioachino Rossini, recentemente restaurata grazie al contributo "Valore Cultura" di Generali, è esposta nella Sala Ammannati del Teatro La Fenice di Venezia, da oggi al 28 ottobre. L'esposizione "Semiriade: carta, musica e memoria" sarà aperta al pubblico acquistando il biglietto della visita al teatro, oppure in concomitanza con la messinscena dell'opera, prima dell'inizio e durante l'intervallo dello spettacolo. Il supporto del progetto "Valore Cultura" di Generali non è stato finalizzato solamente all'intervento di restauro, ma destinato anche a una serie di iniziative rivolte alla città e ai più giovani. Venerdì 26 e sabato 27 ottobre, infatti, i residenti di Venezia e della città metropolitana potranno accedere gratuitamente alla mostra e il 17 ottobre è previsto un workshop sull'opera di Rossini. La partitura conservata nell'archivio storico del Teatro La Fenice porta la firma del compositore nella prima pagina, ma il segno autografo non risale all'epoca della scrittura. L'opera non portava inizialmente nè il titolo, nè il nome del compositore e tantomeno una qualsiasi dichiarazione dei autografia. Ci sono due impronte digitali lasciate dallo stesso Rossini tra le righe del pentagramma.

(da La Nuova Venezia del 16 ottobre 2018)
Torna all'archivio
il museo della musica
chiesa san maurizio
Alla famiglia Candian (detta Sanudo) viene dato il merito della costruzione della Chiesa di San Maurizio e Lazzaro. In origine la facciata era rivolta al rio del... vai
La collezione antonio vivaldi
Chiesa San Giacomo di Rialto
Secondo tradizione la chiesa di San Giacomo, popolarmente conosciuta come San Giacometo, sarebbe stata costruita nel 421 dal carpentiere... vai
I Concerti Interpreti Veneziani Chiesa San Vidal
Acquista il tuo biglietto
scarica la mappa
  • Le fotografie degli strumenti del Museo della Musica sono di Claudio Mazzolari
  • La fotografia dell'interno della Chiesa di San Maurizio è di Fabio Vivalda